La musicoterapia è una disciplina che promuove relazioni comunicative grazie a due elementi: la relazione e la musica nella sua accezione più ampia.

Musicoterapista, un professionista qualificato

L’American Music Therapy Association (AMTA) descrive la musicoterapia come l’uso clinico di interventi musicali, basati su evidenze scientifiche, per raggiungere obiettivi all’interno di una relazione terapeutica con un professionista qualificato: il musicoterapista.

La musicoterapia è una disciplina che promuove relazioni comunicative grazie a due elementi: la relazione e la musica nella sua accezione più ampia; l’obiettivo del musicoterapista è infatti quello di favorire un’armonia interna della persona al fine di aprire un canale comunicativo attraverso le esperienze sonoro-musicali, che permetta l’instaurarsi di una relazione e, quindi, di un cambiamento terapeutico.

Diverse sono le applicazioni che fanno riferimento a ciascun ambito d’intervento, che sia esso preventivo, riabilitativo o terapeutico, e riguardano varie patologie o problematiche di cui il musicoterapista può occuparsi a seconda della sua formazione, ottenuta non solo con lo studio della teoria, ma soprattutto con la pratica e l’esperienza. Come ogni intervento terapeutico, anche la musicoterapia fa riferimento a una prassi codificata sulla base delle evidenze scientifiche disponibili in letteratura; essa è composta da varie fasi che caratterizzano e rendono rigoroso il lavoro del musicoterapista.

A Macerata, esiste una scuola di Musicoterapia della SIEM (Società Italiana per l’Educazione Musicale) , attivata con il patrocinio del Gruppo Santo Stefano, dell’Università degli Studi di Macerata e con la collaborazione dell’associazione di Musicoterapia Comusicando. L’intento della scuola è proprio quello di fornire una professionalità specifica e mirata alla formazione di personale qualificato, che sia in possesso di conoscenze e competenze adeguate alla realizzazione di processi terapeutici sia in contesti educativi e scolastici sia in quelli socio-sanitari, in strutture pubbliche e private: ospedali, istituti, centri, comunità, servizi territoriali per bambini, adolescenti e adulti.