Affidarsi solo a segni e sintomi causa sovradiagnosi e prescrizioni inutili

Linee guida Nice: diagnosticare l’asma usando test oggettivi

Test oggettivi per la diagnosi dell’asma. È  quanto sottolineano le nuove Linee Guida pubblicate dal National Institute for Health and Care Excellence (NICE) inglese, l’Istituto che dipende dal Ministero della Salute, ed è uno dei più accreditati enti a livello internazionale per la valutazione del rapporto costo/efficacia delle cure.

I test oggettivi aiutano ad evitare le sovradiagnosi e le prescrizioni inutili con un notevole risparmio per il servizio sanitario nazionale (tra 11,2 e 16,7 milioni di euro su un periodo di cinque anni).

Le linee guida raccomandano che negli adulti con sintomi di asma il primo esame effettuato sia la valutazione FeNO, seguita dalla spirometria e, in caso questa rilevasse un'ostruzione, da test di reversibilità con broncodilatatore. 

In caso di ulteriore incertezza, si può ricorrere alla misurazione della variabilità del picco di flusso per un periodo di due-quattro settimane. Il NICE ha testato l'uso della spirometria e del test FeNO in sette centri in Inghilterra, che hanno ricevuto l'attrezzatura FeNO gratuitamente e hanno anche potuto farsi rimborsare eventuali costi di formazione. Sei dei centri hanno dichiarato che il test FeNO è stata una gradita aggiunta al processo diagnostico e un test facile da eseguire, con feedback positivo anche dai pazienti.

 Per il testo completo delle linee guida NICE clicca qui